Traduci
    Translate to:

Radio

I chakra, centri energetici del nostro sistema sottile

I chakra sono conosciuti nella cultura orientale ormai da secoli, la poesia indiana li paragona a fiori di loto ciascuno avente un numero diverso di petali, corrispondente al numero di funzioni svolte.

Mooladhara Chakra (plesso pelvico)

Il primo chakra è situato sotto l’osso sacro in cui risiede la Kundalini, e il suo aspetto principale è l’innocenza. L’innocenza è la qualità grazie alla quale percepiamo la gioia pura di un bambino, senza le limitazioni del pregiudizio o dei condizionamenti. L’innocenza ci dà la dignità, l’equilibrio e il senso dell’orientamento e dello scopo della nostra vita. Non è altro che semplicità, purezza e gioia.

Swadisthan Chakra (plesso aortico)

Il secondo chakra è il chakra della creatività. Al livello fisico si occupa del nostro fegato, dei reni e del basso addome. Quando pensiamo troppo, questo centro viene svuotato d’energia e se si disequilibra completamente possono insorgere malattie come la leucemia o il diabete.

Nabhi Chakra (plesso solare)

Il terzo chakra è quello che ci dà il senso di generosità, di soddisfazione completa e di contentezza. Il Nabhi chakra ci dà l’ascesa spirituale, un senso interiore di giustizia e di moralità e un equilibrio completo a tutti ilivelli della nostra vita.

Chakra Anahat (plesso cardio-polmonare)

Il quarto chakra, il chakra del cuore, è dove risiede il nostro spirito, il nostro vero Sè, che è eternamente puro e inalterabile, come un brillante diamante nascosto dentro di noi, testimone di tutte le nostre azioni. Al livello fisico, questo chakra si occupa del nostro cuore e dei polmoni – se bloccato può causare l’asma o varie affezioni del cuore.

Vishuddhi Chakra (plesso cervicale o cervicobranchiale)

Il quinto chakra è il chakra della diplomazia, dei rapporti puri con altri e del giocoso distacco. Le tendenze a dominare gli altri o a sentirsi dominati dagli altri, il senso di superiorità o di inferiorità e tutte le gelosie vengono rimossi quando questo chakra è nutrito dalla Kundalini.

Agnya Chakra (chiasma ottico)

Il sesto chakra è il chakra del perdono e della pietà. Il perdono è il potere di lasciar andare la rabbia, l’odio e il rancore, per scoprire l’ umiltà, la nobiltà e generosità dello Spirito. È quello che dissolve l’ ego, i condizionamenti, le abitudini, le idee false del razzismo e tutte le nostre identificazioni errate.

Sahasrara Chakra (sistemo limbico)

Il settimo centro integra tutti i chakra e le loro rispettive qualità. È l’ultima pietra miliare dello sviluppo della consapevolezza umana. Al giorno d’oggi, siamo a un livello che corrisponde a questo chakra, e la nostra coscienza può facilmente entrare in questo nuovo regno della percezione, che è oltre la nostra mente e concetti limitati e che diventa assoluta al livello del Sahasrara. Questo chakra ci dà la percezione diretta e assoluta della

Realtà sul nostro sistema nervoso centrale

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Newsletter
Iscriviti per ricevere aggiornamenti